La scelta della location per il proprio matrimonio

 

Sposarsi in una location convincente

 

Saper scegliere una location per le proprie nozze vuol dire bussare al proprio cuore non senza lasciar entrare nella nostra nuvoletta le aspettative di parenti e ospiti. Sono questi infatti a generare tutti quei patemi che mandano in fibrillazione in particolare la sposa: il punto dunque è tenerne conto, ma dopo essersi immaginati questo momento magico...

In definitiva quasi sempre non sono una scelta immediata il luogo, il clima, il tenore. Gli ospiti in genere si moltiplicano di giorno in giorno dal momento in cui si sceglie di fare il fatidico passo. A quel punto la scelta del dove è ben più ardua della decisione di andare in vacanza qui o là. Come ci sentiremo? Come verremo giudicati? Stiamo cambiando pelle, a qualcuno vogliamo comunicarlo ma altri, in particolare i nostri parenti più stretti, vorrebbero cogliere nelle nostre scelte soprattutto la continuità coi valori che ci hanno inculcato e da cui siamo stati caratterizzati fino a quel momento. Un misto di fuga in avanti e di regressione. E allora facciamoci aiutare dall’indiscutibile cornice di un castello, di un agriturismo, di un palazzo storico, di un relais, che ammortizzino le nostre contraddizioni. Un castello sottolineerà la fiaba entro la quale vogliamo prolungare il più possibile i nostri ideali, l’agriturismo vorrà mettere l’accento su un senso di libertà che non vorremo perdere incanalandoci in schemi che diminuirebbero l’ampiezza delle nostre aspettative, un palazzo storico rimarcherà la serietà della nostra scelta, il relais la piacevolezza cui non vorremo mai rinunciare. 

In ogni caso un criterio sarà costituito dalla coincidenza o dalla vicinanza col luogo delle nozze. Ecco perché sempre più location ospitano il matrimonio civile.

SOS guai: il numero di invitati è cresciuto più o meno copiosamente. Dovremmo comporre un tableau mariage (chi a che tavolo). Cambiano le usanze: così come i pranzi di matrimonio negli ultimi tempi si sono accorciati anche se dopo il rito la festa si prolungherà tutto il giorno o per più giorni – e qui il dove dovrà corrispondere al criterio di permettere ad alcuni degli ospiti di farci compagnia per più tempo – la disposizione ai tavoli è sempre meno rigida. Nel tableau verrà indicato il tavolo ma non il posto a tavola perché vogliamo che la conversazione e l’atmosfera di ogni consesso rimanga più spontanea possibile. 

Una volta individuata la location faranno capolino altri busillis: e se l’amica avesse espresso il desiderio di sposarsi proprio lì? Non è un problema ogni evento celebrativo rispecchia i suoi protagonisti, il tipo di musica lo rivelerà così pure il menù e così i discorsi che lo punteggeranno. E poi, catering esterno o interno? Alcuni posti comportano catering interno che si tratterà di orientare secondo i propri gusti. In altri si è liberi di associare alla location i numi della cucina che vogliamo presiedano al nostro evento. In questo caso così come sceglieremo il nostro maître e il suo staff, facilmente verrà fatto di immaginare momenti, sorprese, idee per allietare i nostri ospiti se non durante il pranzo subito dopo.

In pratica il proprio matrimonio è bello inventarselo. I protocolli esistono e il bello è un po’ rispettarli e un po’ trascenderli. Un po’ ricordarsi come ce lo siamo immaginato quando lo abbiamo ventilato al nostro partner o gli abbiamo detto di sì, un po’ dar retta almeno apparentemente alle aspettative altrui perché altrui si senta a proprio agio e ci faccia sentire all’altezza della situazione. Solo nell’equilibrio tra questi elementi si eviterà di soccombere al giudizio degli altri.

Una chiave di volta, ove possibile, è costituita dalla decisione di festeggiare il proprio matrimonio nel luogo a noi più familiare, casa propria, a casa dei propri genitori o in un luogo di campagna o comunque sia di vacanza dove andiamo da sempre. Qui le tradizioni la faranno da padrone, ma anche l’immaginazione avrà tutto lo spazio che merita. Agli altri comunicheremo tutto il nostro entusiasmo nel rispettarci e nello stesso tempo nel fare quel passo in più che ci auguriamo con tutto noi stessi ci arricchisca da quel momento in poi.

In conclusione qual è la location ideale? Quella che più ci rispecchia in tutte le nostre parti, quelle intime, quelle affettive, quelle sociali, ma prima di tutto quella parte che dà il massimo risalto alla complicità che vogliamo avere con chi è oggetto del nostro amore e delle nostre speranze.

 

Gloria Guerinoni

aiquattroeventi di Gloria Guerinoni

Via Lagrange 13

10123 Torino

Italia

3351097187

01118752108

P.IVA 11915070012

Inviaci un messaggio
  • Instagram Icona sociale
  • LinkedIn Icona sociale
  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale

© 2023 by Klein Private Equity. Proudly created with Wix.com